Immagine non trovata
RILASCIO CERTIFICATI ANAGRAFICI
DESCRIZIONE IN BREVE DEL PROCEDIMENTO: sono certificati rilasciati dall’Ufficio Amministrativo (Anagrafe) sulla base delle risultanze anagrafiche (composizione della famiglia, residenza, cittadinanza, stato civile, esistenza in vita). I certificati anagrafici hanno validità di 6 mesi dalla data di rilascio. Possono essere prorogati oltre la data di validità con sottoscrizione dell’interessato che dichiari che le situazioni giuridiche certificate non hanno subito mutamenti.
Dal giorno 01.01.2012 tutte le certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione, compresi i certificati anagrafici e di stato civile, sono valide ed utilizzabili esclusivamente nei rapporti tra privati. Per questo motivo ogni cittadino, quando si rivolge ad una Pubblica Amministrazione o a un privato che gestisce un pubblico servizio, deve presentare una semplice e gratuita dichiarazione in autocertificazione, che può rendere direttamente davanti al funzionario oppure redigere prima, allegando la fotocopia di un documento di identità valido. Sui certificati emessi dal 01.01.2012 è infatti indicato: “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della Pubblica Amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi” a pena di nullità del certificato stesso. Le Pubbliche Amministrazioni ed i privati gestori di pubblici servizi non possono pertanto chiedere alla cittadinanza di consegnare certificati, che sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni in autocertificazione. (art. 15 Legge n° 183 del 12 novembre 2011).
Dal mese di novembre 2013 è possibile ottenere direttamente online dal sito internet del Comune di Azzate le principali autocertificazioni. Per accedere alla propria pagina personale e usufruire di tale servizio è necessario richiedere le proprie credenziali (username e password) all’Ufficio Amministrativo (Anagrafe) da utilizzare nell’apposita sezione “Servizi e-government” nel sito del Comune di Azzate.
NORMATIVA DI RIFERIMENTO: legge n. 1228/1954; Regolamento anagrafico D.P.R. n. 223/1989 e circolari Ministeriali; art. 15 Legge n° 183 del 12 novembre 2011.
UFFICIO COMPETENTE: Ufficio Amministrativo.
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ballerino Lorenza.
AVVIO DEL PROCEDIMENTO: è’ un procedimento ad istanza di parte.
DOCUMENTI NECESSARI: documento di identità del richiedente. I certificati anagrafici sono sempre soggetti all’imposta di bollo. Solo per particolari usi espressamente normati ai sensi della tabella B) allegata al D.P.R. n. 642/1972, in relazione all’utilizzo del certificato, sono esenti dall’imposta di bollo.
TERMINI CONCLUSIONE PROCEDIMENTO: 2 giorni.
MODULISTICA DISPONIBILE: per la richiesta delle proprie credenziali (username e password) per l’accesso alla propria area personale della sezione “Servizi e-government” nel sito del Comune di Azzate è disponibile apposito modulo da presentare all’Ufficio Amministrativo (Anagrafe).
ITER DEL PROCEDIMENTO (DESCRIZIONE DETTAGLIATA): Per ottenere il rilascio dei certificati anagrafici, è possibile:
- presentarsi all’Ufficio Amministrativo (Anagrafe) muniti di documento di identità valido.
- inviare richiesta per posta, allegando una busta preaffrancata per la risposta nonché la somma in denaro dovuta per il rilascio del certificato.
Nel caso in cui sia necessario ottenere un certificato per utilizzarlo nei rapporti tra privati, si ricorda che i certificati sono sempre in bollo (€ 16,00 più € 0,52 per diritti di segreteria), ad eccezione dei certificati gratuiti di stato civile (nascita, matrimonio, morte) e dei certificati anagrafici emessi per esclusivo utilizzo nell’ambito di procedimenti giurisdizionali in materie per le quali vige l’esenzione del bollo (€0,26 per diritti di segreteria), quali: a) procedimenti in materia penale; b) controversie in materia di assicurazioni sociali obbligatorie ed assegni familiari; c) controversie individuali di lavoro o concernenti pubblico impiego; d) controversie in materia di pensioni dirette o di reversibilità; e) controversie in materia di equo canone delle locazioni di immobili urbani; f) scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio; g) recupero crediti professionali dei difensori d’ufficio; h) adozione, affidamento e tutela di minori.
Non sono ammesse richieste via fax da parte dei privati.

Ultimo aggiornamento

Martedi 11 Agosto 2020