Certificato di agibilità

Data di pubblicazione:
18 Giugno 2019
Immagine non trovata
CERTIFICATO DI AGIBILITA’
DESCRIZIONE IN BREVE DEL PROCEDIMENTO: il certificato attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati. La domanda può essere presentata solo ad avvenuta ultimazione lavori ed entro 15 giorni dalla stessa per :nuove costruzioni, ricostruzioni o sopraelevazioni parziali o totali e per interventi su edifici esistenti che possono influire sulle condizioni sopra citate (sicurezza, igiene …). L’occupazione dell’edificio in assenza del certificato determina applicazione di sanzioni pecuniarie e – ove l’assenza delle necessarie condizioni non fosse formale ma sostanziale – anche lo sgombero dello stesso.
NORMATIVA DI RIFERIMENTO: art. 24 e 25 DPR n. 380/2001
UFFICIO COMPETENTE: Ufficio Edilizia Privata.
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Balderi Gionata.
AVVIO DEL PROCEDIMENTO: procedimento ad istanza di parte.
DOCUMENTI NECESSARI: la documentazione da presentare a corredo dell’istanza è riportata espressamente nel modulo di presentazione, reperibile presso lo sportello e on line; i costi da sostenere sono relativi all’apposizione della marca da bollo corrente sull’istanza e al pagamento dei diritti di segreteria al momento del ritiro.
TERMINI CONCLUSIONE PROCEDIMENTO: 30 o 60 giorni – come stabilito dalla legge – a seconda che l’istanza sia corredata da parere favorevole ASL o da autocertificazione, fatti salvi i tempi per le osservazioni ex art.10 bis L.241/1990;
MODULISTICA DISPONIBILE: A5 Agibilità
ITER DEL PROCEDIMENTO (DESCRIZIONE DETTAGLIATA)
descrizione singole fasi del procedimento:
1) presentazione istanza in via telematica tramite apposito portale istituito sul sito del Comune di Azzate alla casella di posta certificata;
2) in caso di trasmissione istanza non carretta, comunicazione di “pratica non idonea a produrre effetti”;
3) protocollazione e caricamento pratica edilizia;
4) comunicazione di avvio del procedimento con indicazione del nominativo del responsabile del procedimento;
5) richieste integrative ed esame di quanto prodotto in ottemperanza;
6) eventuale preavviso di diniego ed esame delle osservazioni – art. 10 bis L241/1990;
7) emanazione provvedimento finale (se richiesto);

Ultimo aggiornamento

Venerdi 23 Luglio 2021