REFERENDUM 12 giugno 2022

Sulla Gazzetta Ufficiale n.82 del 7 aprile 2022 sono stati pubblicati i 5 Decreti del Presidente della Repubblica di indizione dei referendum popolari previsti nell'election day del 12 giugno 2022

Data di pubblicazione:
13 Aprile 2022
Immagine non trovata

Segnaliamo la pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale n.82 del 7 aprile, di n.5 decreti del Presidente della Repubblica del 6 aprile 2022 inerenti i 5 quesiti del Referendum popolare del 12 giugno 2022:

- Indizione del referendum popolare per l'abrogazione del Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilita' e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi;

- Indizione del referendum popolare per la limitazione delle misure cautelari: abrogazione dell'ultimo inciso dell'art. 274, comma 1, lettera c), codice di procedura penale, in materia di misure cautelari e, segnatamente, di esigenze cautelari, nel processo penale;

- Indizione del referendum popolare per la separazione delle funzioni dei magistrati. Abrogazione delle norme in materia di ordinamento giudiziario che consentono il passaggio dalle funzioni giudicanti a quelle requirenti e viceversa nella carriera dei magistrati;

- Indizione del referendum popolare per la partecipazione dei membri laici a tutte le deliberazioni del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei Consigli giudiziari. Abrogazione di norme in materia di composizione del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei Consigli giudiziari e delle competenze dei membri laici che ne fanno parte;

- Indizione del referendum popolare per l'abrogazione di norme in materia di elezioni dei componenti togati del Consiglio superiore della magistratura.

1) TERMINI E MODALITA' DI ESERCIZIO DELL'OPZIONE DI VOTO IN ITALIA DEGLI ELETTORI RESIDENTI ALL'ESTERO:

Gli elettori italiani residenti all'estero votano per corrispondenza ai sensi della legge 27/12/2001 n. 459 e del regolamneto di attuazione approvato con d.p.r. 2 aprile 2003, n. 104. La predetta normativa, nel prevedere la suddetta modalità, fa comunque salva la possibilità di votare in Italia previa apposita opzione   di voto,  facendo pervenire all'Ufficio Consolare operante nella circoscrizione di residenza specifica richiesta da redigere sul modulo allegato entro il 17/04/2022.

2) TERMINI E MODALITA'  DI ESERCIZIO DI VOTO PER CORRISPONDENZA  DEGLI ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL'ESTERO

L'art.4-bis, comma 2, della legge n.459/01, modificato da ultimo dall'articolo 6, comma 2, lett. a), della legge 3 novembre 2017, n.165, prevede che l'opzione di voto per corrispondenza degli elettori temporaneamente all'estero pervenga direttamente al comune d'iscrizione nelle liste elettorali per posta, per telefax, per posta elettronica anche non certificata entro il trentaduesimo giorno antecedente la data di votazione e, quindi, entro l'11 maggio p.v., in tempo utile per l'immediata comunicazione al Ministero dell'interno.
Per quanto attiene ai contenuti e alle modalità di inoltro, la dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e necessariamente corredata di copia di un documento d'identità valido dell'elettore, deve in ogni caso contenere l'indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale ed una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti di cui al comma 1 del citato art.4-bis, resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n.445.

Si allega MODELLO RICHIESTA
Eventuali opzioni pervenute con un diverso modello sono comunque da considerarsi valide, purché siano conformi a quanto prescritto dal comma 2 del medesimo articolo 4-bis.
 

3) VOTO DOMICILIARE PER ELETTORI AFFETTI DA GRAVE INFERMITA' 

Al referendum in oggetto si applicano le disposizioni sul voto domiciliare, previste dall’articolo 1 del D.L. 3 gennaio 2006, n. 1, e s.m.i. in favore degli elettori “affetti da gravissime infermità, tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile” anche con l’ausilio dei servizi di trasporto messi a disposizione dal comune per agevolare il raggiungimento del seggio da parte dei portatori di handicap, e di quelli “affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione”. L’elettore interessato deve far pervenire al Sindaco del proprio Comune di iscrizione elettorale un’espressa dichiarazione attestante la propria volontà di esprimere il voto presso l’abitazione in cui dimora entro LUNEDì 23 MAGGIO 2022. La domanda di ammissione al voto domiciliare deve indicare l’indirizzo dell’abitazione in cui l’elettore dimora e, possibilmente, un recapito telefonico e deve essere corredata di copia della tessera elettorale e di idonea certificazione sanitaria rilasciata da un funzionario medico designato dagli organi dell’azienda sanitari

4)  PROPAGANDA ELETTORALE

Sono  individuati gli spazi eriservati alla propaanda elettorale da parte dei partiti richiedenti  in:

- Via Renato Colli /piazza generale  Dalla Chiesa

- Via XXV Aprile ( area  parcheggio vicino cimitero

- Via Genova ( angolo via Piave)